Tutte lo vogliono: trama e trailer

Tutte lo vogliono: trama e trailer

È nelle sale cinematografiche italiane Tutte lo vogliono, la commedia diretta da Alessio Maria Federici, con Enrico Brignano, Vanessa Incontrada, Giulio Berruti, Michela Andreozzi, Gianna Paola Scaffidi e Marta Zoboli, che indaga l’universo femminile.

Trama Tutte le vogliono

Cosa hanno in comune Giovanna, Carla, Francesca, Chiara? Sono donne molto diverse tra loro ma tutte vivono un problema molto intimo. E tutte lo vogliono.

Oreste è un uomo che non fa l’amore da quattro anni, cioè dalla fine della sua ultima storia importante. È un uomo goffo ma dal cuore grande, lavora in un lavaggio cani di proprietà di un nordafricano dispotico e teledipendente, e ama caricare su Youtube video di animali dai comportamenti assurdi.
Chiara è un’infelice food designer borghese, succube della madre, alla disperata ricerca del raggiungimento dell’orgasmo: una ricerca però che non viene soddisfatta né dal suo gruppo di sostegno né dal suo compagno, il bello e ora possibile Raffaele.
Un giorno Francesca, altra anorgasmica del gruppo di sostegno, confessa di aver superato il suo problema per merito di un generoso partner sessuale (il cosiddetto “gps”). Chiara decide quindi di rivolgersi anche lei a questo specialista che fa miracoli ma, per un qui pro quo, si convince che il “gps” sia l’ignaro Orazio. Quest’ultimo viene infatti scelto come suo terapeuta personale e ci mette un po’ di tempo per scoprire l’equivoco.

 

Trailer Tutte le vogliono

Tutte lo vogliono parla delle donne problematiche, degli uomini belli e a volte deludenti, della ricerca del vero amore e tratta con ironia una tematica intima, poco affrontata al e nella vita. Tutte lo vogliono è, in fondo, la classica commedia degli equivoci, ma la trama è lieve, le battute sono infantili, i dialoghi banali, gli attori troppo garbati per risultare maliziosi ed ammiccanti.

About Silvia Rotino

Nata a Novara, laureata in Lingue. Appassionata di viaggi, fotografia, mass media, economia, è articolista per diverse testate giornalistiche online.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*